Le sfide della Matematica sono ancora tante!

Qualche giorno fa alcuni studenti mi chiedevano: I matematici oggi che fanno? Insegnano solo, vero? Ormai è stato scoperto tutto!

Ho dovuto subito chiamare in causa il buon Newton… è vero, parliamo di 300 anni fa, ma le parole che ha scritto e che sono state incise sulla sua tomba valgono ancora oggi:

“Non so come io appaia al mondo, ma per quel che mi riguarda mi sembra di essere stato solo come un fanciullo sulla spiaggia che si diverte nel trovare qua e là una pietra più liscia delle altre o una conchiglia più graziosa, mentre il grande oceano della verità giace del tutto inesplorato davanti a me.”
Isaac Newton

 conchiglie mre

Viviamo nel regno della tecnologia, i nostri libri scolastici straboccano di teoremi, corollari, espressioni, teorie, … ma l’apparenza inganna! La matematica ha ancora tantissime sfide aperte…! Cito solo, tra tutti, i famosi Problemi del Millennio, di cui ho già parlato anche in questo post:  1 milione di Euro e la gloria imperitura.

meteo matematicoMa di fatti per cui la Matematica attende una soluzione ce ne sono tantissimi. In questi giorni dove si è parlato molto di allerte meteo date o non date, non si può allora non citare il problema delle PREVISIONI DEL TEMPO.

Perché abbiamo solo previsioni e non certezze del tempo?

Risposta: perché ancora non è stata trovata una soluzione generale all’Equazione di Navier-Stokes! Ecco un immenso mare da esplorare di cui abbiamo appena tocato le increspature vicino alla riva! Ecco perché esistono vari modelli matematici (quale il migliore? quello che ci azzecca più volte! Ma nessuno è perfetto, ricordiamocelo!) ecco perché si fa uso di simulazioni numeriche con il computer…perché siamo in un campo ancora incerto!

C’è chi dell’incertezza può farne una sfida, chi vi si rassegna, chi, ancora, la usa per un po’ di contemplazione. La matematica, in fondo, è anche stupore e contemplazione.

AM

Lo spettacolo del cielo mi sconvolge.
Mi sconvolge vedere, in un cielo immenso, la falce della luna o il sole.
Nei miei quadri, del resto, vi sono minuscole forme in grandi spazi vuoti.
Joan Mirò

meteo romantico

.

la Vincenzi candida Genova Capitale del Nucleare

Si è tenuta ieri, nell’ambito del Congresso della SIF (si vedano i post precedenti), la Tavola Rotonda sull’Energia cui sono intervenuti l’On. Scandroglio in rappresentanza del Ministro per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola (impegnato nelle vicende Alitalia),  Giuseppe Zampini, (Amministratore Delegato Ansaldo Energia); Luigi Paganetto ( Presidente ENEA), Gianfilippo Mancini (Direttore Divisione Generazione ed Energy Management ENEL) e Giovanni Ricco (Incaricato INFN Settore Energia Nucleare),  sotto la moderazione di un sempre brillante (a volte un po’ esagerato) Antonino Zichichi, Presidente del Centro Fermi.

Ricco - Zampini - Scandroglio - Zichichi - Pagano - Mancini)

Aula Magna del Dipartimento di Fisica di Genova - 25 Sett 2008 - Al centro il palco dei realtori (da sinistra a destra: Ricco - Zampini - Scandroglio - Zichichi - Pagano - Mancini)

E’ stata una tavola rotonda con interventi molto belli, che hanno risposto unanimi al piano del Governo di rilancio del Nucleare in Italia. Sia dal punto di vista tecnologico sia della ricerca.

A proposito di ricerca, c’è da dire, purtroppo, che i fondi alla ricerca sono stati sì aumentati al settore nucleare, ma vi è stata una complessiva riduzione dei finanziamenti per la ricerca in senso lato (dottorati, ricercatori, università e via dicendo). Anche questa voce di preoccupato dissenso si è levata, in maniera pacata, da alcuni fisici che sono intervenuti nel dibattito.

Peccato infine non ci sia stato il tempo per approfondimenti e domande rivolte ai singoli interlocutori, in ogni caso il giudizio è più che positivo.

In ultimo, ha sorpreso l’intervento della Sindaco di Genova Marta Vincenzi che ha raccolto una delle proposte del Ministro Scajola, quella di istituire un’Agenzia  per la Sicurezza Nucleare, proponendo ufficialmente Genova come sede ospitante. “Genova ha perso molta forza lavoro con il referendum contro il nucleare. Per le competenze che ha avuto e che ha continuato a mantenere le spetta di diritto il ruolo di Capitale del Nucleare e di punto di eccellenza per il Nucleare europeo”.

Sul il Giornale di oggi è stata ripresa sinteticamente la notizia in un articolo a firma del sottoscritto e di Francesca Nacini che potete leggere qua.