Addio, Presidente! Genova tutta ti saluta

RICCARDO GARRONE

Non solo la Genova della prima squadra di calcio della città, la tua squadra, ma una intera città – genoani compresi – ti salutano con un po’ di nostalgia e con gratitudine.

Nostalgia per le sfide lanciate con stile, il tuo stile, per le sferzate che a volte facevano trasalire (Cassano ne sa qualcosa), ma anche per l’entusiasmo con cui hai sempre affrontato la vita, non solo l’avventura Sampdoria.

Gratitudine per aver salvato una squadra quando era sull’orlo dell’abisso, per aver insegnato a questo calcio senza freni e senza limiti che è importante avere delle regole e una moralità.

Nostalgia per le tue partite a scopone prima di ogni sfida con l’acerrimo amico di sempre, Spinelli, gratitudine per averne vinte tante di quelle sfide, soprattutto quelle che contavano.

Nostalgia per lo sponsor ERG che con giusta vanità dicevi essere portato per tanti anni con onore su una delle più belle casacche del mondo, gratitudine per aver fatto sì che quello sponsor ci fosse e aiutasse la Samp in tanti momenti bui.

Nostalgia per la tua presenza discreta allo Stadio o sui campi da gioco, gratitudine per aver fatto sì che, attraverso te, qualcun altro fosse protagonista.

Nostalgia per le belle coreografie da te promosse in più d’una occasione, gratitudine per esserti innamorato della Sampdoria, e, come fa un bambino quando sogna, per averla coccolata a lungo.

Nostalgia per il tuo sigaro che sempre accompagnava il tuo sorriso che pareva il sorriso di chi la sa lunga… forse il sorriso di chi si fida, di chi è sereno, di chi ha fiducia della vita. Gratitudine perché la tua vita è stata vera vita, sempre pronto a battagliare, sempre pronto a sorridere e insegnare qualcosa e a dirci che tutto può essere fatto con stile. Lo stile Garrone. 

Grazie Presidente! 

Salutaci Paolo da lassù, … e continuate a fare il tifo per tutti noi!

Andrea Macco

Grandi Presidenti

La Sampdoria stupisce tutti: è in Champion League

Ha battuto Inter, Roma e Milan, ha vinto il derby, ha stupito e meravigliato, è la bella rivelazione di questo Campionato che conquista l’accesso alla Coppa dei Campioni: E’ LA SAMPDORIA!

E’ la squadra della coppia del goal Cassano-Pazzini, è la squadra dello stratega Del Neri, è la fanta squadra del grande Garrone: E’ LA SAMPDORIA!

L’Unione Calcio Sampdoria 1946 ha concluso un Campionato trionfale, chi lo avrebbe detto a inizio stagione?

Marotta, sapiente artefice di un buon calcio mercato,  purtroppo lascia Genova alla volta di Torino. Del Neri lo seguirà? Lo slogan dei tifosi: “Meglio il calcio a colori che in bianco e nero” è stato molto efficace ma ora bisogna aspettare per vedere la scacchiera delle società che configurazione prederà. I blucerchiati si godano senza fasciarsi la testa questo storico traguardo.

Approfondimenti:

Gli elogi di Del Neri: «Grazie ai giocatori e all’ambiente»

Il punto di Marotta: «Questa società, un modello invidiabile»

Euforia da Champions: Genova è blucerchiata