Come si abbatte l’albero secolare

“Non la tempesta o l’uragano
strappano le radici
dell’albero secolare,
ma il lavoro paziente
di tante piccole formiche”

(Bertold Brecht)

Oggi vogliamo tutto e subito, ma a volte è con un lungo e paziente lavoro, con la costanza e con l’infaticabile impegno che si prolunga nel tempo, con lo sforzo, che arrivano i successi e i risultati. 

A chi è caduto dico coraggio, a chi è nella prova dico forza!

Andrea Macco

Il calcio è sofferenza

La sofferenza è connaturata al calcio: chi non soffre non sa cosa sia il calcio…” Marius Stankevicius

Così il lituano della Sampdoria in una dichiarazione rilasciata ieri in sala stampa dopo la sofferta (ma bella) vittoria della Sampdoria per 3-2 sul Lecce. Il terzo goal è stato segnato proprio da Stankevicius.

Molti genoani a cui ho mandato per sms questo pensiero hanno apprezzato, alcuni hanno risposto che loro lo sapevano già. Il Genoa è nato per soffrire.

Battute a parte, penso che in tutti gli sport ci sia una buona dose di sofferenza, sia in chi lo pratica sia in chi lo segue. Lo sport, diceva un mio amico sacerdote, è un allenamento al sacrificio e alla costanza. Non a caso consiglia sempre alle coppie di fidanzati di praticare insieme uno sport, per allenarsi alle sofferenze che, prima o poi inevitabilmente, si presentano nella vita familiare…

Andrea

PS: per leggere i miei articoli sportivi (pagelle, commenti alle partite casalinghe della Sampdoria) basta visitare il portale Conosceregenova