Carbone pulito? Ma intanto è sempre carbone…

Dopo diversi mesi torno su uno dei temi cari a questo Blog, quello delle risorse energetiche. Quali energie per il futuro? E’ una domanda che ci siamo fatti molte volte.

A seguito del NO al Nucleare da parte dell’Italia, le statistiche ufficiali dicono che alla richiesta di energia sempre maggiore si è fatto fronte negli ultimi mesi/anni con il CARBONE. Certamente non può essere definita una risorsa rinnovabile! Anche se oggi si parla sempre più di “Carbone pulito”, vale a dire impianti che utilizzano il carbone ma che producono un basso quantitativo di sostanze nocive e anidride carbonica. Per lo meno, lo fanno stando sotto i limiti di legge.

Un interessante articolo di Cristina Forghieri dell’ Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, collaboratrice dell’Espresso, fa il punto della situazione su tutta questa delicata situazione.

Potete leggerlo in Pdf cliccando QUI. Buona lettura!

Andrea

Nucleare: ecco i sondaggi e le problematiche per il rilancio in Italia

È uscito in questi giorni su il Giornale una pagina di Scienza a cura del sottoscritto dedicata al rilancio del Nucleare in Italia (a seguito del convegno nazionale di Genova dell’AIN – Associazione Italiana Nucleare) che potete scaricare qui.

L’articolo risponde sostanzialmente a queste tipiche domande che i lettori pongono e mi pongono a riguardo del ritorno del Nucleare in Italia:

  • Tempi per la realizzazione di una centrale?
  • Costi per la realizzazione di una centrale?
  • Vantaggi e potenza prodotta con il Nucleare?
  • Quali sono i consumi Energetici dell’Italia? Quale la percentuale di energia che importiamo?
  • Che tipo di centrale si pensa di realizzare in Italia? Quale filiera?
  • Siamo già alla Quarta Generazione?
  • Cosa differenzia una centrale moderna (di Terza Generazione avanzata) da una centrale di vent’anni fa?
  • E’ vero che in Europa non sono state più realizzate nuove centrali nucleari negli ultima anni e che c’è un progressivo abbandono del Nucleare?
  • L’Italia può realizzare da sola una (o più) centrali Nucleari? (E altrimenti, con quali partner lavora?)
  • Il Governo come pensa di affrontare le popolazioni locali?
  • Il problema delle scorie come verrà gestito?
  • Gli Italiani hanno davvero cambiato idea rispetto al Referendum del 1987?

Spero che l’articolo fornisca sufficienti risposte chiare per tutti e su ognuno di questi punti. Chi volesse chiedere lo faccia pure nei commenti.

Andrea Macco