1 milione di Euro e la gloria imperitura

PREMESSA. Il mio docente di Geometria dell’Università, il prof. Mimmo Arezzo, era solito entusiasmarci con lezioni corredate di aneddoti e/o piccole curiosità.
È uno stile che ho sempre apprezzato, non solo in lui, ma anche in altri (pochi e rari) professori. Senza un minimo di passione la materia perde quel quid che dà un colpo d’ala in più e permette di non far affievolire l’entusiasmo e accresce la voglia di studiare e di applicarsi nella materia.

millennium problems

DA HILBERT AI “PROBLEMI DEL MILLENNIO

Durante le lezioni di questi giorni affrontavo alcune questioni di matematica che sono state risolte dai matematici di fine ‘800 e inizio ‘900. E mi è venuto spontaneo citare la grande sfida lanciata da Hilbert al grande Congresso di Parigi del 1900 quando dimostrò la sua genialità nel riuscire a cogliere i 10 grandi problemi aperti della Matematica che la Comunità Scientifica avrebbe dovuto affrontare nei decenni a seguire.

David Hilbert (1862-1943)

David Hilbert (1862-1943)

In realtà i problemi proposti da Hilbert furono da lui stessi integrati con altri quesiti e in tutto si contano 23 problemi. Di questi 2 restano tutt’oggi aperti, e 4 presentano una soluzione solo parziale.
(Su Wikipedia a questo link una formulazione riassuntiva ma un po’ stringata, su questo documento pdf qualche notazione in più sui 23 problemi di Hilbert).

Che centra tutto questo con i soldi e la ricchezza? Fin’ora, al massimo, si è parlato di gloria imperitura.
Nel 2000 sono stati formulati dall’Istituto Matematico Clay (CMI) 7 Problemi del Millennio. Per chi li risolverà è previsto un premio di 1 milione di dollari per problema risolto e, ovviamente, la fama eterna.
I sette problemi sono considerati dal CMI i “più importanti problemi classici che hanno resistito ai tentativi di soluzione nel corso degli anni”.
Qui – sito ufficiale potete leggere di che si tratta. Pure su wikipedia in italiano si trova una sommaria presentazione (cliccare qui). Avvertenza: Alcuni problemi richiedono, solo per la loro comprensione, di conoscenze di matematica avanzata; altri, riguardanti anche l’ambito della Fisica, sono di comprensione più immediata.

millennium problems cover

ATTENZIONE: uno dei problemi del Millennio è stato recentemente risolto da Grigory Perelman, l’eccentrico matematico russo che si è dedicato alla congettura di Poincaré. La comunità scientifica sta inoltre passando al vaglio la soluzione presentata recentemente da Louis de Branges de Bourcia della Purdue University (lo stesso che ha risolto la congettura di Bieberbach) di un’altro problema del Millennio: l’Ipotesi di Riemann, che compariva già tra i problemi enunciati da Hilbert nel 1900!

idea genialeDUNQUE: amanti delle sfide e matematici che non avete ancora sviluppato a pieno le potenzialità della vostra mente: datevi da fare!
Magari – dicevo oggi ai miei studenti – un giorno potrò dire di avere contribuito alla formazione o di avere stretto la mano ad un matematico milionario passato alla storia …

Andrea Macco

Genova sempre più CAPITALE della FISICA

Parte questo lunedì il convegno della SIF (Società italiana di Fisica) che vedrà riuninti più di 600 Fisici nella città della Lanterna. Vi prenderà parte anche il sottoscritto.

Ne parlo oggi su il Giornale con un articolo che potete leggere cliccando qua.

 

Vorei dire qualcosa di più per i lettori di questo blog circa i 7 principali ambiti di ricerca e specializzazione portati avanti oggi dalla Fisica.

 

1. Fisica della materia: riguarda la cosiddetta “materia condensata”, lo studio delle strutture atomiche e delle molecole, delle superfici e dei nuovi materiali superconduttori, nonché dei plasmi. Le batterie che oggi utilizziamo nei nostri cellulari sono frutto anche di questi studi;

2. Astrofisica e Fisica cosmica: un ambito più speculativo, ma ricordiamoci che dalle applicazioni spaziali talvolta sono nate anche ricadute per la società. Lo sapevate ad esempio che il web è nato nei laboratori di Ginevra, quegli stessi laboratori che oggi ospitano l’acceleratore LHC volto, tra le sue svariate applicazioni, a ricostruire le condizioni dei primi istanti dell’Universo?;

3. Geofisica e Fisica dell’ambiente: le applicazioni sono dirette e immediate, dalla Fisica dell’Atmosfera, cara ai meteorologi, agli studi sul particolato atmosferico – le cosiddette “polveri sottili” che inquinano l’aria delle nostre città, dagli studi oceanografici riguardanti maree, erosione delle coste, correnti marine a quelli prettamente geologici sulla composizione interna del nostro pianeta, la prevenzione e lo studio di fenomeni sismici

4. Biofisica e Fisica medica: immense le applicazioni che stanno rivoluzionando il mondo della sanità e non ci si limiti alla sola risonanza magnetica!;

5. Fisica applicata: il mondo dell’elettronica fa qui da padrone;

6. Fisica per i beni culturali: un settore nuovo nato negli ultimi anni grazie all’affiancarsi delle tecniche chimiche tradizionali alle nuove tecniche di indagine atomica che trovano il loro fondamento nella Fisica quantistica;

6. Fisica generale: sono i fondamenti base della Fisica, riguardanti tutta la Fisica “Classica”, dalla Meccanica di Galilei e Newton alla Termodinamica, dalla fluidodinamica all’elettromagnetismo;

7. Didattica e Storia della Fisica.

 

 

Aggiornamenti sugli appuntamenti più “diviulgativi” e accattivanti del Convegno nei prissimi giorni.

 

 

Andrea Macco