Una massima per i momenti duri

“Se nella tua vita vuoi tracciare solchi diritti,
attacca il tuo aratro ad una stella”

(proverbio arabo)

Gli ideali alti – sembra dire il proverbio – sono distanti come le stelle dalla Terra, ma senza di essi, che ci danno una direzione, continueremo a tracciare solchi storti, incurvati dalle tante pietre che incontriamo e dalla nostra naturale inclinazione a camminare per vie oblique…

E’ nei momenti in cui la terra da arare si fa più dura, dura come nel periodo della grande siccità, che devo alzare lo sguardo e ringrazio per quella o quell’altra stella che mi guidano. Non perdermi d’animo e ricordarmi di attaccare meglio il mio aratro se voglio davvero che domani qualcosa possa germogliare.

Andrea

Chi aveva ragione sui neutrini?

Cari amici, lettori e compagni di pianerottolo,

ricordate che avevamo espresso a proposito della eclatante, mirabolante, sensazionale scoperta secondo cui i neutrini andrebbero a velocità maggiore di quella della luce?

Lo ricordate? Se non lo ricordate basta che leggiate QUESTO POST del 12 Ottobre 2011.

Se lo ricordavate buon per voi, perchè ora la posizione degli scettici (additati come conservatori miopi e incapaci di accettare le nuove scoperte scientifiche e di non voler dar spazio a nuove teorie… nonchè stoltamente critici di chi aveva già capito tutto e dava la spiegazione certa e sicura di questo nuovo fatto… ) torna straordinariamente di attualità. INFATTI ecco QUI un articolo che ridimensiona nettamente la scoperta e che anzi, la mette addirittura in forte e serio dubbio!

Chi difende ora le asinate sparate nel trimestre ottobre-dicembre 2011?

Il regalo più prezioso

Il doodle di Google per il giorno di S. Valentino stupisce per una volta in positivo: contrariamente a quanto fa l’intero “popolo bue”, è un invito a non spendere, a non fare regali inutili ma… ad andare al cuore di un rapporto… Quale dunque il dono più prezioso?

Guardate questo video che riproduce il doodle di Google e a voi le conclusioni!

 

(dedicato a chi da tre anni continua a saltare la corda a mio fianco e a ricordarmi quanto gioia possa esserci nelle piccole e semplici cose … ma fatte insieme! )

Carbone pulito? Ma intanto è sempre carbone…

Dopo diversi mesi torno su uno dei temi cari a questo Blog, quello delle risorse energetiche. Quali energie per il futuro? E’ una domanda che ci siamo fatti molte volte.

A seguito del NO al Nucleare da parte dell’Italia, le statistiche ufficiali dicono che alla richiesta di energia sempre maggiore si è fatto fronte negli ultimi mesi/anni con il CARBONE. Certamente non può essere definita una risorsa rinnovabile! Anche se oggi si parla sempre più di “Carbone pulito”, vale a dire impianti che utilizzano il carbone ma che producono un basso quantitativo di sostanze nocive e anidride carbonica. Per lo meno, lo fanno stando sotto i limiti di legge.

Un interessante articolo di Cristina Forghieri dell’ Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, collaboratrice dell’Espresso, fa il punto della situazione su tutta questa delicata situazione.

Potete leggerlo in Pdf cliccando QUI. Buona lettura!

Andrea