Un aforisma di Frate indovino

 Mi arriva come ogni anno il Calendario del 2010 di Frate Indovino. In casa mia c’è spazio almeno per tre/quattro calendari differenti: ovviamente quello Scout, segue quello delle farmacie utilissimo per sapere quelle di turno; c’è poi quello che ti regala la banca, generalmente abbastanza brutto, non lo nego, ma ha molto spazio bianco per scriverci gli appuntamenti. Quest’anno mi avevano regalato quello su S. Paolo in occasione dell’anno paolino, due anni fa ne avevo uno con i disegni di Leonardo da Vinci che ho ancora conservato.  Mia nonna tiene quello in genovese, mentre a me non dispiace quello di Frate indovino, sempre ricco di massime, motti, aforismi, curiosità. Insomma quei granelli di sabbia che possono dare sapore ad una giornata e che su questo blog trovano un posto speciale.

Sul calendario del 2010 butto l’occhio sul riquadro “Confidenze”. Sintetica raccolta di aforismi. Mi soffermo su questo. Sembra cada a fagiolo con recenti post qui proposti. Che ne dite?

 Ho trovato l’ottava opera di misericordia: rallegrare le persone tristi.