Film dell’estate: più li attendi più ti deludono

Non è una legge universale, ma devo dire che quest’estate si è verificata per ben 3 volte con i film che più erano attesi da gran parte del pubblico che ama il genere animazione e fantasy. Il tutto conferma poi un’altra interessante legge, quella dei sequel: quasi mai belli come il primo film.

Parlo di: Transformers – La vendetta del caduto, Harry Potter e il Principe mezzosangue e infine L’era glaciale 3: L’alba dei dinosauri. Per Harry Potter addirittura un anno di attesa supplementare solo per meri calcoli di interessi e di vendite… coi i 30 trailer che erano giù uniti, praticamente si era già visto metà del film…

In ogni caso, ecco i giudizi del sottoscritto:

 

Transformers – La vendetta del caduto ( regia di Michael Bay – Case di Produzione: Paramount Pictures, DreamWorks SKG, Hasbro, Di Bonaventura Pictures )

Voto: 5

Le molte scene d’azione e combattimento, presenti fin dall’inizio, risultano fin da subito eccessive e frastornanti (specie al cinema, probabilmente da casa l’effetto è meno sgradevole), il finale piuttosto scontato (risorge il buono – Optimus Prime – che era stato ucciso e vengono così sconfitti i cattivi Decepticon che, non si sia ancora bene perché, vogliono distruggere la Terra… Eppure il loro scopo dovrebbe essere solo quello di potersi ancora riprodurre e dominare tutti i pianeti in cui c’è la possibilità di vita, perché distruggere? Mah…  ). Si salva il tema dell’amicizia e del sacrificio e della lotta per un bene superiore. Ma anche su questo punto il modo in cui viene ad intrecciarsi la storia amorosa tra  il giovane protagonista umano, Sam Witwicky (Shia LaBeouf)  e Mikaela Banes (Megan Fox) è piuttosto di basso livello. Sembra che per i registi contasse di più far presa sul pubblico con qualche posa avvenente di Megan Fox piuttosto che sottolineare il vero valore del sacrificio…

Harry Potter e il Principe mezzosangue (regia: David Yates – Casa di produzione: Warner Bros)

Voto: 6,5

Ai tagli rispetto al libro eravamo abituati ormai coi 2 precedenti episodi dello stesso registra. E pure a qualche esagerazione degli effetti speciali (ma trattandosi di magia, in questo caso ci può stare). Ma ad un taglio così drastico del combattimento finale di Hogwards i fan della Rowling non credo proprio fossero pronti. Ovviamente è stato enfatizzato molto il tema “love story” del film (presente anche nel libro ma non così marcato) e sui tanto famosi horcrux e sul passato di Lord Voldemort – così importanti nel settimo e ultimo episodio – si glissa parecchio.

La resa è complessivamente discreta, le due ore e mezza del film scorrono tutte d’un botto, ma da un film atteso più d’un anno si ci aspettava davvero un pizzico di magia in più.

L’era glaciale 3: L’alba dei dinosauri (regia: Carlos Saldanha, Casa di produzione: Blue Sky Studios).

voto 5,5

Storia insipida.  Il nuovo personaggio (Buck) merita, ma poi il tema è monocorde e incentrato tutto sul rapporto di coppia, con alcune scene un po’ banali… Il povero Scratt (alle prese con una a dir poco cattiva e diabolica Scrattina) resta un personaggio unico.   Non ho usufruito della visione 3D, ma amici dicono che solo per alcune scene la resa è stata d’effetto, ma per il resto è stato bene non averlo e risparmiare sul prezzo del biglietto.

  Il migliore della saga resta indubbiamente il primo film.    

 

Un commento su “Film dell’estate: più li attendi più ti deludono

  1. Ciao Andrea! Spero che l’estate sia andata bene.

    Volevo “spezzare una lancia” a favore di Transformers II(tra virgolette perchè non è che voglia fare un’apologia! :-) Il film di cui ti parlo non lo merita di certo).

    Non so se è condivisibile, ma personalmente l’ho trovato molto godibile… Più che altro forse perchè avevo dato quattro esami nel giro di un mese ed ero veramente fuso in termini cerebrali.

    I motivi che mi spingono a dire questo non sono motivazioni oggettive ma puramente soggettive: il film è, ovviamente, un insieme di spacconeria, azione pura e luoghi comuni… (Oltre che delle pose provocanti della protagonista femminile) Insomma: un trionfo del banale.
    Ma secondo me è proprio questo che lo rende godibile: è un film da guardare “a cervello spento” senza cercare qualcosa di profondo.

    Poteva essere reso in maniera migliore? Forse si! Però ti confesso che, forse reduce dalla recente fusione cerebrale, mi sono divertito da matti!

    E’ solo la mia opinione, e non si basa su valutazioni oggettive, del tipo “i dialoghi sono ben scritti” o “la storia è avvincente” (anche perchè non è così, anzi: tutto il contrario). E’ puramente il gusto del film stupido.
    In quanto tale non mi aspetto che sia condivisibile la cosa.

    Gli altri due film non li ho visti, ma quelli di Harry Potter non li ho guardati più dopo il secondo (il primo mi era sembrato l’unico decente ad essere sincero, specie a confronto dei libri!).

    Un saluto.

    Francesco

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...