Le nuove Lettere di Berlicche: demonizziamo Internet

Pubblico, come fatto già una volta in passato (cliccare qua), una brillante lettera di Berlicche comparsa sul suo blog. Per chi non lo sapesse, l’originale Le Lettere di Berlicche è un’opera epistolare di Lewis (lo stesso delle Cronache di Narnia) il cui protagonista è un diavolo, Berlicche, che cerca di istruire per via epistolare il nipote Malacoda mentre tenta maldestramente di portare sulla via della tentazione e del male il suo “assistito”. Le nuove lettere di Berlicche procedono sulla stessa scia, affrontando argomenti di più stretta attualità.

Buona lettura. Dibattito e pareri sulla lettera nei commenti.

 

Caro Malacoda, diavolaccio di un nipote mio,

vorrei che tu studiassi bene le disposizioni che la Commissione Inferna sui Nuovi Mezzi di Scomunica di Massa periodicamente ti invia. Internet è un luogo pericoloso, si incontra di tutto, dal sito vaticano a quelli di SamizdatOnLine. Per fortuna il nostro firewall è molto valido, ma andare a curiosare agli indirizzi dei servi del Nemico è accettabile solo per farci su il troll, capito bene?

Per quanto riguarda l’umano in tua custodia, al di là del tradizionale lavoro sui siti perversi, disinformativi, satirici, diabofili e teofobi, sono molto interessanti approcci più subdoli, più in tema con quello che ci si attende da un bravo diavolo.
Ad esempio, pensa ai mondi virtuali, altre vite e seconde esistenze. Stai incoraggiando il tuo protetto a servirsene? No? E’ un grave errore. Dalle tue lettere vedo che l’umano che ti è stato affidato è in quella fase in cui cerca di socializzare per evadere dalla quotidianità, e tu cerchi di impedirglielo, con la pigrizia o il disfattismo. Ma questi universi fittizi sono l’ideale per togliergli la brama di cercare gli altri mantenendolo comunque solo. Là tutti hanno un’immagine, una maschera che si fabbricano; cosa di meglio per addestrare a mentire a se stessi e agli altri? Se si abituerà ad avere identità fasulle sarà molto più probabile che le mantenga anche nel mondo reale. Per non parlare del fatto che il peccato, se fatto con piena avvertenza e deliberato consenso, non ha necessità di avere un corpo solido per sporcare l’anima. Un tradimento virtuale vale quanto uno reale; in entrambi si sceglie il male, la nostra parte, ed è questo che conta.

Alla stessa stregua anche queste reti di amici e conoscenti se usate bene sono un mezzo valido ed efficace per i nostri fini. Intanto insegnano a svalutare la parola amico, e il tuo protetto imparerà ad utilizzarla anche per uno che non hai mai incontrato in vita sua e di cui non gliene importa un fico secco; e poi fanno in modo che il conoscere la gente si riduca ad un contatto superficiale, il toccarsi di tante solitudini. Se starai attento che in questi scambi non venga mai messo a tema il destino del tuo protetto o del suo interlocutore, sarà uno strumento potentissimo per fare perdere all’umano che stai seguendo il senso della realtà, della fisicità, per isolarlo in un deserto di chiacchere e di apparenza, un libro pieno di facce senza corpo e sostanza da sfogliare senza impararne niente.

Quello che più devi temere per l’umano che ti è stato affidato è il suo incontro con qualcuno di vivo, che lo affascini, che possa essere per lui un’autorità da seguire e obbedire. Finchè si concepirà da solo anche se circondato da milioni di ombre elettroniche, dio del suo microuniverso, per noi alla fine del suo tempo lui sarà un pasto sicuro.
Il nostro compito è chiaro: demonizzare internet. E quando internet sarà tutta in mano a noi demoni e ai nostri protetti potremo anche spegnere il mondo.

Tuo zio Berlicche

 

3 commenti su “Le nuove Lettere di Berlicche: demonizziamo Internet

  1. Secondo me è pienamente centrato questo punto:

    “il tuo protetto imparerà ad utilizzarla anche per uno che non hai mai incontrato in vita sua e di cui non gliene importa un fico secco; e poi fanno in modo che il conoscere la gente si riduca ad un contatto superficiale, il toccarsi di tante solitudini.”

    Il filmato segnalati dall’utente anonimo fa’ riflettere. Io l’altro giorno mi son imbattuto in questo blog (http://blog.scuolazoo.it/) di studenti liceali e ugualmente son rimasto turbato dalla assenza totale di valori in questi comportamenti, quali lo svendere così, a cellulari o webcam, il proprio corpo, dimenticando il valore e il dono che esso è…

    Andrea

  2. Secondo me su internet bisogna avere il buon senso di capire cosa è buono e cosa no, un po’ comequando si guarda la TV. Certo che i genitori dovrebbero controllare: mia mamma mi limitava gli orari e i programmi che potevo vedere in TV quando ero piccolo.

    Sui filmati…si quello della Carrà è inquietante davvero. Ma come si fa a trasmettere una cosa così? Fosse anche per gioco, non è di buon gusto.

    Ciao egrazie per la riflessione
    Fra

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...